7 errori di arredamento che fanno sembrare la tua casa più piccola: le dritte di Castaldo Arredamenti

settembre 14, 2017 1:40 pm

Dagli arredi sovradimensionati alle pareti troppo scure: questi solo un paio di quegli errori di arredo che fanno apparire un appartamento più piccolo del reale. Noi di Castaldo Arredamenti siamo pronti a suggerirvi le dritte per non incappare in questi errori.

Il design d’interni è un territorio arduo su cui muovere i propri passi, specie se non si è a conoscenza delle nozioni fondamentali. Le tentazioni sono sempre dietro, è il caso di dirlo, la porta e commettere pecche di valutazione pur di avvalersi di quei pezzi d’arredo tanto ambiti è cosa piuttosto collegiale. Spesso infatti, specie se si è alle prese con la prima casa, ci si lascia condurre unicamente da mode, sogni e passioni irrefrenabili, senza però fare i conti con la realtà e soprattutto… con i metri quadri a disposizione!

Esistono diversi errori, più o meno evidenti, che presentano una casa visivamente più piccola di quanto non sia in realtà.

 

 

Le insidie dei colpi di fulmine e gli arredi sovradimensionati
Accade a tutti: giunti in un atelier alla sua vista il cuore batte forte: “quel pezzo d’arredo” deve assolutamente entrare in casa tua, costi quel che costi!
Una volta a casa però l’effetto è del tutto differente da quello immaginato, la scelta è stata avventata. Non solo però, succede che quel pezzo d’arredo tanto bramato sembri addirittura peggiorare l’insieme, soffocarlo. Come mai? Probabilmente quando questo accade è un problema di dimensioni.

Sovente infatti il cuore si dimentica della logica, un rischio enorme! Trovarsi in soggiorno arredi troppo grandi vale a dire in primis dire addio a metri concreti di spazio vitale, offrendo una visione nel complesso opprimente, che rende ovviamente tutto molto più piccolo agli occhi di chi guarda.
L’idea migliore è certamente quella di riflettere molto bene sullo spazio a disposizione, delineando con accuratezza gli ingombri dei singoli pezzi prima di procedere con gli acquisti.
Tuttavia se proprio non si resiste al fascino di un particolare pezzo d’arredo un po’ troppo grande o se si ha quel divano tanto bello (ma altrettanto ingombrante!) da ricollocare, una soluzione c’è: fare di quell‘ingombro’ l’attrattiva del soggiorno, pensando decisamente più in piccolo su tutti gli altri elementi ed eliminando tutto il superfluo per sgravare l’insieme.

No ai colori scuri
Prediligere palette per le pareti o per gli arredi della propria casa basandosi esclusivamente sui gusti cromatici personali può risultare un azzardo, specie se si apprezzano le tinte scure o molto decise!
Agghindare l’appartamento di toni cupi può restringere infatti non poco gli ambienti. Perché? Semplice, i colori scuri tendono ad assorbire luce.
Privilegiare allora colori chiari e luminosi, destinando alle tinte decise e scure solo piccole porzioni di parete o di ambiente e giocando soprattutto su carte da parati e complementi d’arredo.

 

 

Vietato sbagliare l’illuminazione
La luce è un elemento essenziale quando si asserisce allo spazio.
Capita spesso invece non considerarla e di accedere in ambienti in cui è poco valorizzata la luce naturale oppure provvisti di un’unica fonte luminosa artificiale, magari centrale.
Questo è malfatto non solo perché una inadeguata illuminazione rende l’atmosfera più cupa e opprimente, ma anche perché le zone d’ombra, che necessariamente si creano quando si ha un unico punto luce, non fanno che rimpicciolire una stanza.
Quale il rimedio? Valorizzare la luce naturale dell’appartamento, con il soccorso di tendaggi leggeri, vetrate e specchi. Inoltre è fondamentale apprendere in modo efficace la disposizione delle fonti di luce artificiale in tutta la casa, per garantire l’opportuna illuminazione in qualsiasi momento della giornata.
Non far economie quindi sulle lampade, da tavolo e da terra, ripartendole sapientemente in tutto l’ambiente. Prevedere zone con faretti e appliques, per dare maggiore movimento all’illuminazione e allo spazio in generale, non sarebbe idea malvagia.

Occhio ai tappeti!
Un tappeto completa l’arredo di un ambiente, su questo non vi è dubbio. Ma un utilizzo poco consapevole di questo complemento può trasformarlo in un’arma a doppio taglio!
Introdurre tappeti troppo scuri o, peggio, delle dimensioni sbagliate può rimpicciolire visivamente una stanza. Un tappeto troppo minuto rispetto all’ambiente in cui si trova infatti può dare l’impressione di “galleggiare” nello spazio rendendo tutto più piccolo di quanto non sia in realtà agli occhi di chi osserva.
Sarà opportuno orientarsi su un bel tappeto grande, che riempia bene l’angolo o l’area che si desidera delimitare con esso.

 

 

Quadri? Sì, ma con criterio!
Le pareti devono essere vestite, d’accordo. I quadri donano charme, personalità e colore a una casa. Però disporre di tele o pannelli dai toni troppo cupi o dalle cornici molto lavorate può intorpidire notevolmente un ambiente e rimpicciolirlo. Anche una disposizione erronea può dare un effetto visivo opprimente.

L’arte è istinto, è come l’amore… con lei non esiste ragione! Ma un pizzico di logica e senso critico non guasta. Privilegiare i toni luminosi impiegandoli per temperare l’effetto di eventuali quadri più scuri, evita di sovraccaricare le pareti o, al contrario, di far “galleggiare” una tela solitaria su una parete troppo grande per lei. Idea originale? Non obbligatoriamente un quadro deve essere appeso in modo tradizionale. A volte una tela appoggiata per terra o sopra un mobile basso può rappresentare un’alternativa d’effetto, che assicura movimento e lascia il giusto respiro alle pareti!

Le tende. Mai scure, mai troppo pesanti e soprattutto…
Mai farle accorciare troppo! Anche le tende giocano un ruolo chiave nel panorama visivo che si innesca quando si osserva uno spazio.
Come anticipato, oltre alla consistenza del tessuto e al colore, conta anche un terzo fattore spesso trascurato: la loro lunghezza!
L’errore più diffuso? Far uso di tende troppo corte che fanno scorgere il soffitto più basso e, di conseguenza, l’ambiente più piccolo.

“Lessi s more”, la regola d’oro che vale sempre!
Come diceva l’architetto tedesco Ludwig Mies van der Rohe: “less is more!”.
Appesantire un ambiente con inutili fronzoli, accumulare oggetti e aggiungere pezzi d’arredo e complementi senza criterio non farà altro che creare caos visivo e, di conseguenza, darà la sensazione di uno spazio più piccolo di quanto non sia realmente.
Scegli con cura ogni elemento e, nel dubbio, togli qualcosa!


Servizio clienti
SERVIZIO CLIENTI
+39 081 8242194
+39 081 8246403
Pagamenti accettati
CARTE DI CREDITO
Possibilità di pagare con carte di credito
Montaggio
MONTAGGIO
Servizio montaggio gratuito

Trasporto
TRASPORTO
Servizio di trasporto gratuito